Conosciamo gli Avversari – Luca intervista Electric Blue

October 17, 2014
4-1 il record di Manning all'AT&T, riuscirà a ripetersi anche questa volta ?

4-1 il record di Manning all’AT&T, riuscirà a ripetersi anche questa volta ?

Ciao ragazzi, oggi abbiamo il piacere di intervistare una vecchia conoscenza di questa rubrica, Alberto Cola in arte “Electric Blue”, storico tifoso dei New York Giants e punto di riferimento per ogni tifoso della squadra della Grande Mela  che bazzichi Endzone Magazine

Ciao  Electric Blue e grazie per la tua disponibilità. Per iniziare vorrei partire un po’ da lontano; in offseason i Giants hanno cambiato offensive coordinator, è arrivato dai Packers Bob McAdoo, volto nuovo per una franchigia che probabilmente vuole adattarsi al “nuovo che avanza”. Dalle indiscrezioni trapelate in estate, però, sembra che non tutti abbiano apprezzato il cambiamento, pare infatti che sia Coughlin che gran parte della squadra avrebbero preferito Mike Sullivan, ed è stato lo stesso Coughlin, in estate, a farsi scappare qualche affermazione in cui esprimeva alcuni dubbi in merito al fatto che la nuova filosofia offensiva portata da McAdoo, non fosse adatta alle caratteristiche dei Giants. McAdoo è arrivato proponendo l’idea di un attacco basato sulle caratteristiche  della “up tempo offense” tanto care al Head Coach di Philadelphia Chip Kelly. Qual è il tuo parere in merito ? I Giants hanno gli uomini adatti per giocare con questa tipologia di offense? Cos’ha comportato questo cambio di rotta?

In offseason e preseason a noi tifosi dei Big Blue si è accapponata la pelle, a dir poco. A parte il cambiamento radicale dopo una decina d’anni del mai rimpianto Gilbraide (sodale di Coughlin che, evidentemente, ancora lo rimpiange malgrado gli ultimi tre anni da incubo), sembrava che nulla funzionasse, che giocatori già ampiamente rodati e dotati di talento all’improvviso fossero diventati amatori allo sbaraglio. Sta di fatto che McAdoo, di suo sempre pacato, si limitò a chiedere tempo, e neanche tanto a dire il vero dato che a parte dopo la prima partita a Detroit, realmente giocata male (l’ultima contro Phila non la considero perché in quel caso non abbiamo proprio giocato), i primi risultati si sono visti, con un attacco in grado di muovere la palla, un gioco di corse finalmente funzionante e un Manning con statistiche che non si vedevano dal primo Superbowl (anzi, forse migliori). Qualunque cosa accada, sappiamo di star vivendo un anno di transizione e ciò ci mette l’anima in pace. I giocatori ci sono, molti sono giovani e il tempo dirà se la dirigenza sta lavorando bene. (more…)

0

Cowboys 30 – Seahawks 23 – After Further Review – Defense Edition

October 16, 2014

SEADAL

Una prestazione che molto probabilmente verrà studiata a lungo in questi giorni dalle squadre NFL. Wilson ha giocato 42 partite come starter, solo in quattro di queste ha lanciato meno delle 126 yds di Domenica, solo due volte ha avuto un Rating inferiore al 47.6 di Domenica, solo 6 volte ha corso meno delle 12 yds di Domenica. Percy Harvin è stato utilizzato in 7 giochi (3 corse e 4 passaggi) e ha messo insieme -1 yd. Era come se i Cowboys fossero dentro l’huddle di Seattle. Ma come è riuscito Marinelli a mettere i propri giocatori in condizione di portare a casa una simile prestazione ? (more…)

2

Cowboys 30 – Seahawks 23 – After Further Review – Offense Edition

October 15, 2014
Statistiche su CorsaW.1 2012/W.10 2013 (26 Gare) W.11 2013/W.6 2014 (12 Gare)
Yds Corse2.035 (31° nella NFL)1.696 (1° nella NFL)
Yds per Portata3.67 (29°)5.03 (1°)
Yds per Partita78.3 (31°)141.3 (2°)
Corse per 1° Down115 (29°)91 (1°)
Corse da 10+ Yds45 (31°)49 (3°)

Il senso della tabella che vi riporto qui sopra è: non è accaduto tutto in una notte. Non è arrivato Linehan a cavallo di un tappeto volante con una lampada che esprime i desideri, e ha magicamente cambiato questa squadra facendola diventare una “powerhouse” sulle corse, non è che magicamente abbiamo scelto Zac Martin e siamo diventati dei trattori ma, come tanto piacerebbe a Garrett, “It’s a process”. Ed è un processo cominciato lo scorso anno dopo la batosta di New Orleans e la settimana di bye. Diversi furono gli avvenimenti che probabilmente portarono ad un serio esame di coscienza da parte di tutti e fecero maturare la decisione che, se si voleva davvero dare una svolta decisiva ed ottenere dei risultati sportivi, era necessario cambiare il modus operandi. (more…)

3

Concorso Pick’em 2014 Risultati e Classifica Week 6 – Pronostici Week 7

October 14, 2014

newpickemimage

E complimenti a Massimo che con 270 punti, totale di giornata più alto, balza in testa alla classifica. Massimo è un veterano, infatti mi pare che sia sempre andato a premio nelle prime due edizioni… 270 hanno fatto anche Daniele e Robys90, mentre aza è stato tristemente il peggiore… Andrea si è invece aggiudicato i 50 punti di bonus essendo quello che più si è avvicinato alle yds corse da Murray. In testa comunque la situazione è fluida e ancora lungi dall’essere decisa a solo un terzo della stagione.

Classifica Pick'em 2014 - Week 6

NOMEWEEK 6TOTALE
Massimo2701520
Marc2301480
Giampi3001470
Marco2501460
Daniele2701330
Leonardo2401310
Tonyb2501300
Mark1601280
Mat2001270
Fabio2401210
Max772101200
azazel1401180
Andrea2601120
Ennio2301050
ITBAPAX01000
Robys90270970
(more…)

16

Cowboys 30 – Seahawks 23 – Una Volgare Dimostrazione di Forza

October 13, 2014
Occhio per occhio, dente per dente

Occhio per occhio, dente per dente

“…To see, To bleed, Cannot be taught, In turn.
You’re making us, Fucking Hostile…” Fucking Hostile by Pantera

Per una volta non mi prendo una giornata, per una volta non aspetto di rivederla, per una volta non voglio rimanere moderato, per una volta voglio gridarlo quanto mi sento orgoglioso di questa squadra. E voglio farlo ora, prima che tutto ancora possa accadere, prima di una eventuale sconfitta in casa contro una rivale di Division, prima di qualche possibile infortunio, prima di qualsiasi catastrofe possa mai capitare. Perché andare a casa dei Campioni del Mondo, una casa che li ha visti perdere una sola partita (si certo ora sono due) nelle ultime tre stagioni e batterli con le loro armi, intimidendo i giocatori e azzittendo la folla, è un impresa che non era riuscita a nessuno ad oggi e deve essere celebrata. (more…)

9

Cowboys 30 – Seattle 23 – How ’bout them Cowboys ?!?!

October 13, 2014
Witten festeggia il TD che permette ai Cowboys di chiudere il primo tempo in vantaggio

Witten festeggia il TD che permette ai Cowboys di chiudere il primo tempo in vantaggio

Ci siamo ragazzi, in diretta dal Century Link Stadium di Seattle, questa notte i nostri ragazzi dovranno affrontare lo spauracchio di ogni team di NFL…i campioni del mondo…i Seattle Seahawks.

Calciamo la palla, i Seahawks giocano sul corto, finche Wilson lancia lungo sul wideout alla sua destra per Kearse, che nel frattempo si è bevuto Scandrick, e che riceve per un gioco da 53 yds che porta i Seahawks in redzone. Ottimo lavoro però della difesa e di Barry Church in particolare, che stoppano Seattle che, con Hauschka, porta a casa solo 3 punti. 3-0 .

Partiamo dalle 20 e riusciamo a chiudere il down solo al terzo tentativo con Cole Beasley.  Nel gioco successivo, non riusciamo a chiudere il down e Romo prende una bruttissima botta dal LB Bobby Wagner, il nostro QB esce dolorante, azione da rivedere perché probabilmente la flag ci stava. Puntiamo e… Il punt viene bloccato dai Seahawks e la palla viene facilmente portata in TD da Seattle… 10-0

Inizio difficilissimo, ma lo sapevamo. Palla sulle nostre 20. Lavoriamo piuttosto bene sulle corse soprattutto con Randle, che si concede il lusso di una corsa da  37 yds che porta i Cowboys sulle 30 avversarie. Romo lancia per Witten, il leggendario 82 riceve e mette la palla sulle 5 avversarie. Murray accorcia ancora il campo mettendoci a 2 yds dal TD; secondo tentativo, Escobar parte dallo slot e connette con Romo: Touchdown Gavin Escobar 10-7. (more…)

9

In Deep Coverage – Cowboys vs Seahawks

October 11, 2014

CowboysVersusSeahawks

Wow ! Che inizio di stagione per questi Cowboys. E’ stata una partita importante quella di domenica non solo per la vittoria ottenuta in extremis, ma anche per i segnali importanti mostrati dalla difesa e dal running game che continua a giocare alla grande. L’ascesa di Zach Martin è un altro fattore molto interessante di questo bell’inizio di stagione. Ora però arriva il test più importante, i campioni in carica a Seattle dove, da quando ce Russell Wilson, hanno perso solo una volta e sono praticamente imbattibili.

Tendenze

Legion of Boom, come dominano in difesa a Seattle?

Beh per prima cosa, per quanto sia bello come titolo, non penso certo di potervi spiegare veramente il segreto di una delle grandi difese della storia moderna della NFL. Quello che posso dirvi sono le mie osservazioni dalle partite giocate dall’anno scorso fino ad ora. Per iniziare diciamo che i Seahawks sono tornati ad essere la migliore difesa per yards totali concesse (317 a partita), ed è bene ricordare che hanno già giocato contro Broncos, Chargers e Packers, attacchi mica da nulla. Stanno concedendo 255 yard passate per partita, il settimo miglior totale nella lega, e sono i migliori per yard concesse su corsa (solo 62 yard a partita). Insomma dall’anno scorso non hanno perso molto. Non si può parlare della difesa Seahawks senza parlare delle Secondarie. I Seahawks usano una 4-3 Under (parleremo del fronte a sette prossimamente) e le secondarie usano quello che si chiama uno schema di “Cover Three”, essenzialmente un sistema a zona, con tre defensive backs che si dividono il campo in tre sezioni. I CBs, Byron Maxwell e Richard Sherman, si prendono i lati esterni al di fuori delle hash marks, mentre Earl Thomas si prende la parte centrale del campo in mezzo alle hash marks. Questo concede anche a Kam Chancellor, l’altra Safety, di giocare più vicino alla linea e poter fare da martello in mezzo per chi cerca di bruciare la difesa nell’underneath. E` un sistema abbastanza semplice, ma quando hai un giocatore come Sherman che può eliminare il lato destro del campo, una FS impeccabile negli aiuti e con un fiuto pazzesco per la palla nel mezzo del campo come Thomas e poi hai Chancellor che può punire corridori e ricevitori sul medio corto, si comincia a capire le difficoltà nel battere questi quattro.  (more…)

1

Conosciamo gli avversari – Luca intervista Stefano Gugini

October 10, 2014
Sarà un altra dura giornata in ufficio per Dez Bryant e Richard Sherman

Sarà un altra dura giornata in ufficio per Dez Bryant e Richard Sherman

Ciao a tutti ragazzi oggi abbiamo l’onore d’avere con noi Stefano Gugini, redattore di NFLReligion.com e tifosissimo dei nostri prossimi avversari: i Seattle Seahawks. Ciao Stefano e grazie per averci concesso questa intervista nella quale cercheremo di conoscere meglio il super team campione del mondo in carica. Iniziamo da lontano, partendo dalla offseason. Avete passato un estate tutto sommato tranquilla, Richard Sherman ha avuto il suo contrattone e pure Marshaw Lynch, dopo qualche mugugno, ha ottenuto la sua fetta di torta; in buona sostanza nessuno stravolgimento a roster. I nomi più importanti che hanno lasciato Seattle sono quelli di Breno Giacomini e di Goleden Tate, mentre con il draft s’è cercato di coprire qualche buco a roster. Raccontaci questa off season dei campioni del mondo.

Ciao a tutti! È un piacere per me poter parlare, ogni tanto, di football in modo aperto e senza i vincoli dell’imparzialità che cerchiamo di applicare di solito. L’offseason da campioni è stata molto strana, siamo passati dal sentir parlare pochissimo della squadra, dei tifosi e della città, all’essere nell’occhio del ciclone per 7 mesi. Quando il resto della lega cerca di paragonarsi a quello che il campo ha ritenuto “il migliore” si incappa sempre in confronti infiniti conditi da statistiche ed influenzati da simpatie e, soprattutto, antipatie che rendono la tua estate più calda del solito. Io a tutto questo non sono abituato e ad un certo punto ho iniziato a contare i giorni al kickoff, non solo per l’astinenza dal football giocato, ma anche per non sentir più i soliti discorsi sulla difesa che picchia troppo o su chi sia il miglior cornerback della lega. Devo ammettere che le partenze mi hanno preoccupato un po’, almeno all’inizio. Breno era con noi da tempo e ha sempre dimostrato di essere un signor giocatore, Tate è esploso negli ultimi anni giocando praticamente da primo ricevitore tutta l’ultima stagione e collaborando molto bene in parecchie vittorie. L’addio di Red Bryant e Chris Clemons sarebbe potuto essere molto nocivo al nostro sistema difensivo, ma alla fine, almeno per ora, le scelte della società si stanno dimostrando ponderate. La crescita di Lockette e Kearse ha tamponato la mancanza di Tate, così come la buona salute di un giocatore che non nomino per scaramanzia (Percy Harvin, ndr). Vorrei aspettare le partite importanti però, prima di lodare troppo questa offseason. Ci mancano ancora tutte le sfide di division. (more…)

1

Cowboys 20 – Texans 17 O.T. – Film Room

October 9, 2014

“…Anche a me è piaciuta tanto la difesa e vorrei che magari Roby ci si soffermasse su in una qualche prossima analisi: ho come l’impressione che la scelta sia quella di arrivare ai 3° downs in modo da giocarsela, magari rinunciando a blitz e cose stravaganti” – Giampi dai commenti al Blog

“Ovviamente ad oggi non abbiamo avuto grandi numeri sotto il profilo dei sack, ma credo che stiamo comunque influenzando il lavoro dei QB rendendogli la vita difficile. Non abbiamo causato grosse perdite di yards, ma siamo spesso nelle sue vicinanze. Possiamo metterli fuori equilibrio con una pass rush individuale, con blitz massicci o con blitz a zona. Anche se non abbiamo realizzato molti sack credo che siamo comunque riusciti a metterli in una situazione molto precaria” – Jason Garrett

Partirei da questa premessa di Garrett e prenderei principalmente in considerazione quello che lui, nella dichiarazione in lingua originale, chiama “Dogs”. Nello slang del football è un termine che identifica gli “Zone Blitz”, un concetto di blitz che per primo utilizzò Dick LeBeau, e che è poi ovviamente diventato bene comune nella NFL. E’ un concetto che consente di creare confusione, attaccando senza esporsi, portare pressione cercando di creare comunque una zona sicura alle tue spalle. Per chiarire tutto ciò vi porto un paio di esempi.

In questo primo esempio siamo al primo drive dei Texans e siamo in situazione di 3° e 10. Come vedete Marinelli mette 7 uomini sulla linea di scrimmage, e la pressione potrebbe arrivare da chiunque di questi. Fitzparick si trova quindi nella situazione di tirare ad indovinare, e provate anche voi a mettervi nella sua posizione e, senza guardare oltre, provate a dire quanti e chi blizzerà in questa azione…

1 (more…)

1

Cowboys 20 – Texans 17 O.T. – After Further Review – Defense Edition

October 9, 2014
C'è voluto un po' ma il passaggio da DE a 3Tech ha giovato tantissimo a T.Crawford

C’è voluto un po’ ma il passaggio da DE a 3Tech ha giovato tantissimo a T.Crawford

Come richiesto da Giampi sto preparando una Film Room tutta dedicata alla Difesa, mi dilungherò quindi meno del solito in questa edizione di After Further Review. Parto subito con i numeri.

Senza Carter e Claiborne il depht della Difesa comincia ad essere testato. In 5 hanno giocato tutti gli snap della partita: Durant, Carr, Scandrick, Wilcox e Church. McClain credo che non sia in questa lista solo perché ha dovuto lasciare la gara per infortunio, speriamo di recuperare almeno lui per Seattle dato che su Carter pare non ci siano speranze. In linea T.Crawford e Mincey fanno la parte del leone con Selvie e Hayden alle loro spalle. Da sottolineare come Crawford sia diventato praticamente essenziale, e decisamente produttivo, come 3-Tech. in attesa che Melton possa finalmente guarire dai suoi acciacchi. Hitchens ha preso 34 snaps con Wilber ancora a quota 1. Moore è stato l’unico altro DB a vedere il campo oltre ai 4 che hanno giocato tutta la partita. (more…)

1